• Scapolare della Madonna del Carmelo

    Scapolare della Madonna del CarmeloIl 16 Luglio si festeggia in tutta la Chiesa la festa della Madonna del Carmelo, alla quale Sant'Annibale Maria, fondatore degli Istituti Antoniani era molto devoto; a tal punto che nella scelta del colore del vestito, nel ramo femminile religioso della Figlie del Divino Zelo, scelse che le sue religiose vestissero di colore "marrone" in onore della Madonna del Carmine. Oggi, le figlie e i figli di Sant'Annibale Maria, i Padri Rogazionisti dell'Istituto Antoniano Cristo Re continuano questa devozione, diffondendo preghiere e soprattutto lo scapolare benedetto della Madonna del Carmelo, fatto direttamente dai bambini dell'Antoniano Cristo Re. Per chi volesse richiedere lo scapolare benedetto della Madonna del Carmine può cliccare su questo link http://cristore.rcj.org/richiesta-scapolare-madonna-del-carmelo e lo spediremo gratuitamente a casa. 

  • Si quæris miracula – Se cerchi il miracolo da Sant’Antonio di Padova

    Sant'Antonio di PadovaSi quæris miracula / mors, error, calamitas / dæmon, lepra fugiunt, / ægri surgunt sani. Cedunt mare, vincula,/ membra, resque perditas /petunt, et accipiunt / juvenes, et cani. Così inizia un antico canto in latino dedicato a Sant’Antonio di Padova che mette in risalto la potenza dei miracoli del Santo di Padova. Per gustarne il significato ecco la traduzione in italiano, dell’antico canto in latino che non a caso si intitola “se cerchi il miracolo” e dice così: Se cerchi i miracoli, la morte, l'errore, la calamità e il demonio sono messi in fuga, gli ammalati divenir sani. Il mare si calma, le catene si spezzano; ritrovano le cose perdute i giovani ed i vecchi. S'allontanano i pericoli, scompaiono le necessità; lo attesti chi ha sperimentato la protezione del Santo di Padova. Il mare si calma, le catene si spezzano; ritrovano le cose perdute i giovani ed i vecchi Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, ora e sempre, nei secoli dei secoli. Il mare si calma, le catene si spezzano; ritrovano le cose perdute i giovani ed i vecchi. Se vuoi ricevere lo scapolare e il breve di Sant’Antonio (la preghiera di liberazione dal male) clicca qui: http://cristore.rcj.org/richiesta-scapolare

  • Signore benedici la nostra unione - Preghiera degli sposi

    bambiniBenedici la nostra unione: Signore, tu hai creato l’uomo, uomo e donna, e hai benedetto la loro unione, perché l’uno fosse dell’altro, aiuto e appoggio. Ricordati oggi di noi. Proteggici e concedici che il nostro amore sia dedizione e dono a immagine di quello del Cristo e della Chiesa. Signore, tu ci hai chiamati a formare insieme questa nostra famiglia, donaci la grazia di animarla con il tuo amore: sia confortevole per coloro che vivranno in essa, sia accogliente per coloro che in essa verranno. Insegnaci a farti conoscere i nostri progetti, a domandare il tuo aiuto, a offrire le nostre gioie e le nostre pene, a guidare a te quei figli che ci hai dato. Amen (regala lo SCAPOLARE di Sant’Antonio di Padova con il breve – la preghiera di liberazione dal male - di tradizione antoniana  Clicca qui http://cristore.rcj.org/richiesta-scapolare e lo spediremo a casa tua)

  • Solennità del Cuore di Gesù - Consacrazione al Cuore di Gesù

    cuore di gesùSOLENNITA’ DEL CUORE DI GESU.
    PREGHIERA.
    Cuore santissimo di Gesù, fonte di ogni bene, ti adoro, ti amo, ti ringrazio e, pentito vivamente dei miei peccati, ti presento questo povero mio cuore. Rendilo umile, paziente, puro e in tutto conforme ai desideri tuoi. Proteggimi nei pericoli, consolami nelle afflizioni, concedimi la sanità del corpo e dell'anima, il soccorso nelle mie necessità spirituali e materiali, la tua benedizione in tutte le mie opere e la grazia di una santa morte. Amen

    (CHIEDI O REGALA lo SCAPOLARE BENEDETTO di Sant'Antonio di Padova con la preghiera di liberazione dal male. Scrivi all'Antoniano Cristo Re sul sito: https://cristore.rcj.org/richiesta-scapolare e lo invieremo a casa tua! Allegato troverai un ccp col quale, se vuoi, potrai fare la tua libera offerta per la mensa del povero dei Padri Rogazionisti dell'Antoniano Cristo Re! PASSA PAROLA e CONDIVIDI)
  • Straordinario discorso di Papa Francesco: un papa così.. non lo avremo mai più!

    8b2768ef d491 44a6 8c7a ee991c786f7bPuoi avere difetti, essere ansioso e perfino essere arrabbiato, ma non dimenticare che la tua vita è la più grande impresa del mondo. Solo tu puoi impedirne il fallimento. Molti ti apprezzano, ti ammirano e ti amano. Ricorda che essere felici non è avere un cielo senza tempesta, una strada senza incidenti, un lavoro senza fatica, relazioni senza delusioni. Essere felici significa trovare la forza nel perdono, la speranza nelle battaglie, la sicurezza nella fase della paura, l'amore nella discordia. Non è solo godersi il sorriso, ma anche riflettere sulla tristezza. Non è solo celebrare i successi, ma imparare dai fallimenti. Non è solo sentirsi felici con gli applausi, ma essere felici nell'anonimato. Essere felici non è una fatalità del destino, ma un risultato per coloro che possono viaggiare dentro se stessi. Essere felici è smettere di sentirsi una vittima e diventare autore del proprio destino. È attraversare i deserti, ma essere in grado di trovare un'oasi nel profondo dell'anima. È ringraziare Dio ogni mattina per il miracolo della vita. Essere felici é non avere paura dei propri sentimenti ed essere in grado di parlare di te. Sta nel coraggio di sentire un "no" e ritrovare fiducia nei confronti delle critiche, anche quando sono ingiustificate. È baciare i tuoi figli, coccolare i tuoi genitori, vivere momenti poetici con gli amici, anche quando ci feriscono. Essere felici è lasciare vivere la creatura che vive in ognuno di noi, libera, gioiosa e semplice. È avere la maturità per poter dire: "Ho fatto degli errori". È avere il coraggio di dire "Mi dispiace". È avere la sensibilità di dire "Ho bisogno di te". È avere la capacità di dire "Ti amo". Possa la tua vita diventare un giardino di opportunità per la felicità... che in primavera possa essere un amante della gioia ed in inverno un amante della saggezza. E quando commetti un errore, ricomincia da capo. Perché solo allora sarai innamorato della vita. Scoprirai che essere felice non è avere una vita perfetta. Ma usa le lacrime per irrigare la tolleranza. Usa le tue sconfitte per addestrare la pazienza. Usa i tuoi errori con la serenità dello scultore. Usa il dolore per intonare il piacere. Usa gli ostacoli per aprire le finestre dell'intelligenza. Non mollare mai... Soprattutto non mollare mai le persone che ti amano. Non rinunciare mai alla felicità, perché la vita è uno spettacolo incredibile. (Desideri iniziare un percorso o un'esperienza vocazionale o un cammino di discernimento vocazionale con i Padri Rogazionisti? Scrivici su Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.