• I migliori auguri a tutti gli amici e benefattori che portano il nome "Giovanni!

    San Giovanni BattistaIl 24 Giugno, natività di San Giovanni Battista, con tutti i bambini dell'Antoniano Cristo Re di Messina, vogliamo fare gli auguri a tutti gli amici e benefattori che portano il nome di "Giovanni". Possa questo grande santo esserci da stimolo nella santità e renderci, come lui, testimoni credibili del Vangelo. Lui che per primo ha indicato il Figlio di Dio, ci renda buoni operai della messe. Auguri a tutti coloro che portano il nome "Giovanni". 

  • II Domenica di Avvento: Commento della Parola di Dio

    II di Avvento"Preparate la via del Signore, raddrizzate i suoi sentieri...", la figura del Battista è tra le più importanti (insieme al profeta Isaia e alla Vergine Maria), dell'Avvento, che, come la primavera, dovrebbe "rinnovarci e renderci rigogliosi, capaci di ricevere Cristo in qualunque forma venga a noi...svuotando noi stessi di tutto l'egoismo che è dentro di noi." (Madre Teresa di Calcutta) La voce di Giovanni che "grida ancora negli odierni deserti dell'umanità, che sono le menti chiuse e i cuori duri" (Papa Francesco), ci chiede di raddrizzare i sentieri e di colmare i vuoti che spesso sembrano ingoiarci e di aprire il cuore al Signore che viene per ricondurci "con gioia alla luce della sua gloria, con la misericordia e la giustizia che vengono da lui" (Baruc), e per portare a compimento la sua opera, affinché tutti possiamo "essere integri e irreprensibili per il giorno di Cristo" (S. Paolo). Nonostante i potenti della sua epoca: "Nell'anno quindicesimo dell'impero di Tiberio Cesare, mentre Ponzio Pilato...", Luca annuncia che la salvezza viene dai quei luoghi dove l'essenziale ed il silenzio sono "assordanti" e dove possiamo accogliere la Parola che "venne su Giovanni, figlio di Zaccaria, nel deserto", perché Dio non tiene conto di nessuna potenza politica ed economica, e finché ci saranno voci come il Battista la "Chiesa avrà ancora la possibilità di tornare a essere come il Maestro l'ha voluta: povera, nascosta, misericordiosa, accogliente, aperta a tutti." (Don A. Brignoli) Chiediamo al Signore, presente nella Parola e nell'Eucaristia in questa II domenica, di convertire il cuore al perdono dei peccati che "avviene modificando la propria esistenza, cambiando vita...attenti ai bisogni e alle necessità degli altri." (Padre A. Maggi) La Vergine Immacolata guidi i nostri passi verso quel giorno in cui "ogni uomo vedrà la salvezza di Dio", perché "Dio viene e non si fermerà davanti a burroni o montagne, e neppure davanti al mio contorto cuore. Raggiungerà ogni uomo, gli porrà la sua Parola nel grembo, potenza di parto di un mondo nuovo e felice." (E. Ronchi) Amen. Santa domenica, Dio ci benedica.