• Indulgenza plenaria per la festa della Divina Misericordia

    festa della divina misericordiaOggi è la Festa della Divina Misericordia. Indulgenza Plenaria nel giorno della Festa della Divina Misericordia. Gesù disse a Santa Faustina: "L’anima che si accosta alla confessione ed alla Santa Comunione, riceve il perdono totale delle colpe e delle pene. In quel giorno sono aperti tutti i canali attraverso i quali scorrono le grazie. Nessuna anima abbia paura di accostarsi a Me, anche se i suoi peccati fossero come lo scarlatto. Ogni anima che crede ed ha fiducia nella Mia Misericordia, la otterrà." Porgo agli uomini il recipiente, col quale venire ad attingere le grazie alla sorgente della Misericordia. Il recipiente è quest'immagine con la scritta: Gesù, confido in Te". Grazie Signore per la Tua infinita Bontà e Misericordia e per il Tuo bruciante desiderio di accogliere i tuoi figli. CONDIZIONI PER OTTENERE L'INDULGENZA PLENARIA  Può ottenere l'Indulgenza Plenaria chi, battezzato e non scomunicato, abbia intenzione di ottenere l'Indulgenza e abbia i seguenti requisiti: 1. Conversione del cuore ed esclusione di qualsiasi affetto al peccato anche veniale. 2. Confessione individuale entro 7 giorni precedenti o (se non si è in peccato mortale) successivi. Nella domenica della Festa della Divina Misericordia. 3. Riceve la Comunione eucaristica 4. Prega il Credo e il Padre nostro 5. Prega secondo le intenzioni del Papa (Padre nostro, Ave Maria, Gloria al Padre) 6. Prega una pia invocazione in onore della Divina Misericordia (ad es. "Gesù, confido in Te!") - (Chiedi lo SCAPOLARE di Sant’Antonio di Padova confezionato dai bambini dell'Antoniano Cristo Re con il brevetto  – la preghiera di liberazione dal male - di tradizione antoniana. Clicca qui http://cristore.rcj.org/richiesta-scapolare e lo spediremo a casa tua) . Per ascoltare il video della preghiera di consacrazione dei bambini a Sant'Antonio clicca qui https://www.youtube.com/watch?v=KQLFqmIDqJQ )

  • Nel giorno della Solennita’ di Cristo Re è concessa l’Indulgenza Plenaria ai Fedeli alle consuete condizioni

    GesùNel giorno della Solennita’ di Cristo Re è concessa l’Indulgenza Plenaria ai Fedeli alle consuete condizioni

    – Confessione sacramentale per essere in grazia di Dio (negli otto giorni precedenti o seguenti); – Avere un distacco totale da qualunque colpa; – Partecipazione alla Messa e Comunione Eucaristica; – Recitare Il CREDO, per riaffermare la propria identità cristiana; Il PADRE NOSTRO, per riaffermare la propria dignità di figli di Dio, ricevuta nel Battesimo; UNA PREGHIERA SECONDO LE INTENZIONI DEL PAPA (ad esempio Padre Nostro, Ave Maria, Gloria al Padre). – Recita dell’ATTO DI CONSACRAZIONE DEL GENERE UMANO A CRISTO RE: Papa Leone XIII, l’11 giugno 1899, consacrò la Chiesa, il mondo e tutto il genere umano a Cristo. ATTO DI CONSACRAZIONE DEL GENERE UMANO A CRISTO RE (Indulgenza plenaria, se si recita pubblicamente nella solennità di Cristo Re; parziale, invece, se si recita privatamente) « O Gesù dolcissimo, o Redentore del genere umano, riguarda a noi umilmente prostrati innanzi a Te. Noi siamo Tuoi, e Tuoi vogliamo essere; e per vivere a Te più strettamente congiunti, ecco che ognuno di noi, oggi spontaneamente si consacra al Tuo Sacratissimo Cuore ». « Molti, purtroppo, non Ti conobbero mai; molti, disprezzando i Tuoi comandamenti, Ti ripudiarono. O benignissimo Gesù, abbi misericordia e degli uni e degli altri e tutti quanti attira al Tuo Sacratissimo Cuore ». « O Signore, sii il Re non solo dei fedeli, che non si allontanarono mai da Te, ma anche di quei figli prodighi che Ti abbandonarono; fa’ che questi, quanto prima, ritornino alla casa paterna, per non morire di miseria e di fame. Sii il Re di coloro, che vivono nell’inganno e nell’errore, o per discordia da Te separati: richiamali al porto della verità, all’unità della fede, affinché in breve si faccia un solo ovile sotto un solo pastore ». « Largisci, o Signore, incolumità e libertà sicura alla Tua Chiesa, concedi a tutti i popoli la tranquillità dell’ordine: fa’ che da un capo all’altro della terra risuoni quest’unica voce: Sia lode a quel Cuore Divino, da cui venne la nostra Salute; a Lui si canti Gloria e Onore nei secoli dei secoli. Amen!