• 20 GIUGNO. MEMORIA DEL CUORE IMMACOLATO DELLA BEATA VERGINE MARIA

    cuore di Maria20 GIUGNO. MEMORIA DEL CUORE IMMACOLATO DELLA BEATA VERGINE MARIA
    Dopo la memoria dell’amore di Cristo, del suo cuore inteso come sorgente dei sentimenti e delle emozioni, la liturgia ci propone la festa del cuore di Maria. Come a dire: l’amore che Cristo ha imparato lo deve anche a sua madre. Come i genitori segnano in positivo e in negativo lo sviluppo della personalità dei propri figli, così possiamo affermare che parte del carattere umano di Gesù sia stato educato alla compassione e alla tenerezza dai suoi genitori. Maria, madre dei discepoli, ci viene proposta non solo come modello per la fede, è la prima fra i credenti, ma anche come modello di amore. Un amore che educa, che si piega alla benevola volontà di Dio, che sa farsi da parte ed essere presente nel momento giusto, che attinge dalla riflessione personale la propria energia interiore.
    La Liturgia della festa sottolinea il lavorio spirituale del cuore della prima discepola di Cristo e presenta Maria come protesa, nell’intimo del suo cuore, all’ascolto e all’approfondimento della parola di Dio.
    Maria medita nel suo cuore gli eventi in cui è coinvolta insieme a Gesù, cercando di penetrare il mistero che sta vivendo: conservare e meditare nel suo cuore tutte le cose, le fa scoprire la volontà del Signore, come un pane che la nutre nell’intimo, come un’acqua zampillante in un fecondo terreno. Con questo suo modo di agire, Maria ci insegna a nutrirci in profondità del Verbo di Dio, a vivere sfamandoci e abbeverandoci di lui e soprattutto a trovare Dio nella meditazione, nella preghiera e nel silenzio.
    Maria, infine, ci insegna a riflettere sugli avvenimenti della nostra vita quotidiana e a scoprire in essi Dio che si rivela, inserendosi nella nostra storia.

    (RICHIEDI LO SCAPOLARE DELLA MADONNA DEL CARMELO  INSERENDO I TUOI DATI E IN POCHE SETTIMANE LO RICEVERAI A CASA TUA: https://cristore.rcj.org/richiesta-scapolare-madonna-del-carmelo in cambio ti chiediamo la tua peghiera e una libera offerta tramite ccp allegato alla spedizione)

  • Le persone che sanno amare..

    cuore di gesùLe persone che sanno amare  sono quelle che rendono bello il mondo;
    le persone più importanti della terra sono le persone profondamente buone.
    Perché solo loro che sanno dare alla gente quello di cui ha più bisogno: la bontà.
    Chi porta bontà comunica pace, sicurezza, forza, perché comunica Dio.
    Abbiamo bisogno di tante cose: di salute, di pane, di lavoro, di tranquillità e di pace...
    ...ma più di tutto di bontà. Abbiamo bisogno di gente che insegni ad amare.
    Amare è calarsi nei problemi degli altri, è sacrificare il proprio tempo,
    è aiutare le persone fino in fondo, come sa fare Dio con ciascuno di noi.
    Amare è comprendere. Amare è perdonare, è cambiare il male con il bene.
    Amare è dare affetto, attenzione e forza a chi non ce l'ha. Amare è dare, senza attendere il ricambio.
    Quando sei paziente mentre tutti perderebbero la pazienza; quando ti controlli davanti a un pensiero cattivo; quando fermi una parola di condanna che sembrerebbe a tutti legittima,
    stai diventando esperto in amore. Amare è fermarsi accanto ad ogni persona senza passare oltre;
    è trovare il tempo per uno che soffre mentre manca il tempo per te e le tue cose.
    Amare è rendere presente Dio in mezzo alla gente. Signore, moltiplica sulla terra le persone capaci di amare, perché gli uomini hanno bisogno di Te!