• Buon compleanno Antonio!

    1Il 22 Gennaio, il Seminario dei padri Rogazionisti di Cristo Re ha vissuto una serata di festa per il compleanno di Antonio Matarrelli che ha compiuto 19 anni. Antonio, proveniente da Oria (BR) ha iniziato quest'anno, a settembre, dopo l'esperienza missionaria vocazionale del Campo Missione in Albania, l'esperienza vocazionale con i padri Rogazionisti. A te, Antonio, tanti auguri! Manda o Signore Apostoli Santi nella tua Chiesa!

  • Grazie sig.ra Nunzia

    Anche ieri, come ogni martedì, i bambini e i ragazzi dell'Antoniano Cristo Re si sono ritrovati per un momento di preghiera affidando a Sant'Antonio tutti voi, amici e benefattori. Ieri, un grazie particolare è stato rivolto alla signora Nunzia che dopo una vita spesa al servizio dei nostri bambini, è andata in pensione! Grazie signora Nunzia per ogni giorno speso al servizio dei nostri piccoli e dei nostri poveri! www.cristore.it

  • I padri Formatori in pellegrinaggio a Sant'Antonio di Padova a Messina

    formatoriDal 10 al 17 Giugno i padri rogazionisti impegnati nel corso per formatori a Roma all'Università Pontificia Salesiana (ossia i sacerdoti rogazionisti che saranno impegnati quindi nei prossimi anni nelle diverse nazioni, in india, filippine, brasile e Africa per la formazione dei sacerdoti, dei novizi e degli aspiranti) sono venuti in pellegrinaggio a Messina sulle orme del padre fondatore, Sant'Annibale Maria, e in questi giorni vivranno momenti spirituali forti visitando i luoghi del padre, ma in modo particolare la grande festa di Sant'Antonio di Padova e la solenne processione per le vie di Messina, ove ringrazieremo il nostro celeste benefattore per tutte le grazie ricevute ma anche e soprattutto pregheremo per tutti gli amici e i benefattori dell'Antoniano Cristo Re di Messina 

  • Incontro dei Parroci e degli animatori vocazionali rogazionisti

    animatori vocazionaliIn vista di una formazione religiosa permanente, il 22 e 23 Ottobre, tutti i parroci e gli animatori vocazionali rogazionisti hanno vissuto due giorni di condivisioni, verifica e programmazione delle attività parrocchiali e di animazione vocazionale e giovanile a Matera. All'incontro hanno partecipato anche i due sacerdoti più giovani dell'Antoniano Cristo Re di Messina, Padre Claudio Pizzuto e Padre Antonino Fiscella che hanno condiviso la loro esperienza e la programmazione delle diverse attività vocazionali. Particolarmente importanti nelle attività vocazionali dell'Antoniano Cristo Re sono i week end vocazionali, esperienze vocazionali che si vivono almeno una volta al mese, aperti ad adolescenti dai 13 ai 16 anni (che culminano a fine anno con il Campo Scuola Vocazionale a Messina) e poi le Giornate Giovani dell'Amicizia, esperienze di pastorale giovanile vocazionale aperte  a ragazzi e ragazze dai 17 ai 35 anni, che culminano al termine dell'anno con il Campo Missionario Vocazionale in Albania. Desideri anche tu prendere parte ad una esperienza vocazionale? Desideri anche tu iniziare un percorso di discernimento vocazionale? Scrivici e ti contatteremo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - www.cristore.it 

  • Io sono un prete.. ma non ne sono degno!

    SeminaristiIo non sono un Prete e non sono mai stato degno neppure di fare il chierichetto.
    Sappiate che mi sono sempre chiesto come fate voi a vivere dopo aver detto Messa.
    Ogni giorno avete DIO tra le vostre mani.
    Come diceva il gran re San Luigi di Francia, avete «nelle vostre mani il re dei Cieli, ai vostri piedi il re della terra».
    Ogni giorno avete una potenza che Michele Arcangelo non ha.
    Con le vostre parole trasformate la sostanza di un pezzo di pane in quella del Corpo di Gesù Cristo in persona.
    VOI OBBLIGATE DIO A SCENDERE IN TERRA! SIETE GRANDI! SIETE CREATURE IMMENSE! LE PIU' POTENTI CHE POSSANO ESISTERE. Chi dice che avete energie angeliche, in un certo senso, si può dire che sbaglia per difetto.
    Sacerdoti, vi scongiuriamo: SIATE SANTI!
    Se siete santi voi, noi siamo salvi.
    Se non siete santi voi, noi siamo perduti!
    Sacerdoti, noi vi vogliamo ai piedi dell'Altare.
    A costruire opere, fabbriche, giornali, lavoro, a correre qua e là in Lambretta o in Millecento, siamo capaci noi.
    Ma a rendere Cristo presente ed a rimettere i peccati, siete capaci SOLO VOI!
    Siate accanto all'Altare. Andate a tenere compagnia al SIGNORE.
    La vostra giornata sia: preghiera e Tabernacolo, Tabernacolo e preghiera.
    Di questo abbiamo bisogno. Nostro Signore è solo, è abbandonato.
    Le Chiese si riempiono [si fa per dire] soltanto per la Messa.
    Ma Gesù sta là 24 su 24 e chiama le Anime.
    A tutti, anche a noi, ma in particolare a te, sacerdote, dice di continuo: «Tienimi compagnia.
    Dimmi una parola. Dammi un sorriso.
    Ricordati che t'amo.
    Dimmi soltanto "Amore mio, ti voglio bene": ti coprirò di ogni consolazione e di ogni conforto».
    Sacerdoti, parlateci di DIO! Come ne parlavano Gesù, Paolo Apostolo, Benedetto da Norcia, Francesco Saverio, Santa Teresina.
    IL MONDO HA BISOGNO DI DIO! DIO, DIO, DIO Vogliamo.
    E non se ne parla.
    Si ha paura a parlare di DIO.
    Si parla di problemi sociali, del pane.
    Ve lo dice uno scienziato: nel mondo C'E' PANE!
    CI SONO RISORSE CHE, se ben distribuite, possono garantire una vita, forse modesta, ma CERTAMENTE PIU' CHE DIGNITOSA A 100 MILIARDI DI UOMINI! L'UOMO HA FAME DI DIO! E si uccide per disperazione.
    Dobbiamo credere, ecco il compito delle Missioni: donare DIO al mondo!
    Suore, scusate se vi parlo così: tornate ad abituarvi al silenzio!
    Bello tutto, la preghiera collettiva è potentissima davanti al Signore.
    Ricordatevi, però, che si può fare una preghiera insieme anche lontani 100.000 km.
    La vicinanza è nel cuore di DIO, non nel contatto dei gomiti.
    Anzi, anche a contatto di gomiti, perché noi non disprezziamo le realtà concrete, visibili e materiali.
    Ma attenti a non esagerare.
    Chi volesse dire solitudine soltanto sbaglia, ma chi dice solo appiccicamento di cuore sbaglia. Sbagliano l'uno e l'altro.-
    -Enrico Medi (Scienziato e Professore e Figlio spirituale di Padre Pio)

  • Iscrivi i tuoi cari alla Santa Messa "Perpetua"

    wNon cè dono più bello da fare ai tuoi cari defunti: ISCRIVILI ALLA SANTA MESSA PERPETUA! Ogni giorno un sacerdote celebrerà la santa Messa ricordando i tuoi cari e all'iscrizione riceverai la Pagellina ricordo direttamente a casa tua! Scrivici su http://cristore.rcj.org/richiesta-messe

  • Ritiro Spirituale dei Seminaristi dell'Antoniano Cristo Re

    RubnikIl 16 e 17 Febbraio, i seminaristi dei Padri Rogazionisti dell'Antoniano Cristo Re hanno vissuto due giorni di esercizi spirituali per vivere meglio il periodo quaresimale e per avere maggiori strumenti di discernimento vocazionale. Due giorni di silenzio, nel Santuario della Madonna della Guardia di Messina, guidati da Padre Giuseppe Pappalettera, formatore dello Studentato Rogazionsta. (Vuoi adottare un seminarista a distanza, sostenendo le spese del suo cammino di formazione? Scrivici su Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

  • Se vuoi puoi guarirmi (commento al vangelo di Domenica 14 Febbraio)

    Se vuoi puoi guarirmi“Se vuoi, puoi purificarmi!”, dopo l’indemoniato della sinagoga e la suocera di Simone, è un lebbroso, costretto a vivere da emarginato con “vesti strappate e il capo scoperto…Sarà impuro finché durerà in lui il male e abiterà fuori dell’accampamento” (Levitico), che nonostante il carico di sofferenza e di solitudine sulle spalle e nel cuore, trasgredisce la legge e, in ginocchio, supplicava il Signore che “ne ebbe compassione, tese la mano, lo toccò e gli disse: Lo voglio, sii purificato!", abbattendo “ogni barriera tra Dio e l’impurità umana, tra il Sacro e il suo opposto…per dimostrare che l’amore di Dio è più forte di ogni male…perché Gesù si è fatto “lebbroso” perché noi fossimo purificati.” (Benedetto XVI) In punta di piedi avviciniamoci al Signore, presentandoci dai Sacerdoti come “lebbrosi nel cuore” e nel Sacramento della Riconciliazione “il Signore ripete anche a noi: Lo voglio, sii purificato! Quanta gioia c’è in questo! Così la lebbra del peccato scompare, ritorniamo a vivere con gioia la nostra relazione filiale con Dio e siamo riammessi pienamente nella comunità.” (Papa Francesco) Chiediamo al Maestro, presente nella Parola e nell’Eucaristia in questa VI domenica, un cuore docile per accogliere l’appello dell’Apostolo: “Diventate miei imitatori, come io lo sono di Cristo”, di non essere “motivo di scandalo” per i fratelli e fare “tutto per la gloria di Dio” (San Paolo), affinché impariamo a “scorgere nel volto di chi soffre l’immagine di Cristo”, che ammonì severamente il lebbroso guarito affinché non divulgasse nulla perché “non vuole che lo acclamino per delle azioni prodigiose, e soprattutto vuole che il segreto riguardo alla sua identità di Messia sia svelato e proclamato quando sarà appeso alla croce.” (E. Bianchi) La Vergine Immacolata, ci aiuti a combattere con amore la fame, le discriminazioni razziali e religiose e ogni violenza contro la vita, “nuove lebbre di oggi”; ciò accadrà vivendo il Vangelo seriamente, che “ha dentro una potenza che cambia il mondo. E tutti quelli che l'hanno preso sul serio e hanno toccato i lebbrosi del loro tempo, testimoniano che fare questo porta con sé una grande felicità. Perché ti mette dalla parte giusta della vita. (E. Ronchi) Amen. Santa domenica.

  • Tre fratelli ordinati sacerdoti - Chiediamo al Cuore Eucaristico di Gesù il dono di Sante Vocazioni

    downloadLa sera del 28 giugno si vivrà nella Cattedrale dei Santi Matteo e Gregorio Magno a Salerno un appuntamento che non può passare inosservato. Quattordici giovani dell’arcidiocesi di Salerno-Campagna-Acerno verranno ordinati sacerdoti dall’amministratore apostolico, l’arcivescovo Luigi Moretti. Anche per una Chiesa locale come quella salernitana che, nonostante la contrazione delle vocazioni, è riuscita annualmente a ricevere in dono novelli presbiteri, il numero degli ordinandi è di tutto riguardo. Ma le particolarità non si esauriscono nel numero. C’è la storia di tre fratelli, di cui due gemelli, che nella solennità del Sacro Cuore di Gesù, insieme agli altri undici diventeranno preti. Roberto, Carmine e Ferdinando De Angelis, 34 anni il primo e 30 i gemelli, hanno scelto di donarsi totalmente a Cristo. È Carmine che racconta dello stupore di una scoperta. «Ho sempre custodito nel cuore e nella testa il seme che il Signore aveva posto in me. Lo hanno coltivato i miei genitori con il loro stile educativo improntato a una fede autentica e a principi solidi. Quando anche Ferdinando disse di volersi incamminare verso il sacerdozio non fui sorpreso. Lo fummo entrambi, invece, quando capimmo che il fratello maggiore, Roberto voleva diventare prete. Il primo a incamminarsi è stato lui, poi l’anno successivo toccò a me e a Ferdinando». C’è stato un momento particolare in cui il Signore ha iniziato a scavare nella vita dei tre fratelli. «Siamo di un piccolo paese di circa seimila abitanti, Bracigliano, nel quale il 2010 si intraprese l’Adorazione eucaristica perpetua con la speciale intenzione di chiedere che dei giovani rispondessero alla chiamata del Signore. La preghiera traccia il solco e non rimane mai inascoltata e così, con l’insistenza dei fedeli, c’è stato l’exploit. Noi abbiamo solo offerto la disponibilità e Dio ha fatto il resto».Cogliamo l'occasione di riscoprire l'importanza della preghiera ai piedi dell'Eucarestia chiedendo al Signore, secondo l'esempio di Sant'Annibale Maria, di beendire le famiglie religiose e la Chiesa di buone e sante vocazioni, buoni e santi sacerdoti. INVIA QUESTO MESSAGGIO ai tuoi contatti e in occasione della Festa del Cuore di Gesù chiedi con noi al Signore: Manda o Signore Apostoli Santi nella tua Chiesa! (Se invece sei un giovane desideroso di fare un'esperienza vocazionale o un cammino di discernimento vocazionale scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure scrivici su whastapp 351 508 2169 

  • Week end vocazionale

     Il 28-29 Gennaio si è vissuto nel Seminario dei Padri Rogazionisti dell'Antoniano di Messina, il secondo week end vocazionale al quale hanno partecipato 15 adolescenti di scuola media e superiore, ragazzi che si sono messi in ascolto della Parola tra momenti di fraternità, preghiera e gioco. Desideri anche tu fare un'esperienza vocazionale con noi? Scrivici su www.cristore.it 

  • Week End Vocazionale all'Antoniano Cristo Re

    campo scuolaIl 19 e il 20 Maggio quasi trenta adolescenti di scuola media e superiore hanno vissuto il IV week end vocazionale dell'anno, un'esperienza di discernimento, di fraternità e preghiera. Un momento di riflessione e preghiera con i sacerdoti dell'Antoniano Cristo Re, Padre Claudio Pizzuto e Padre Antonino Fiscella, collaborati dal rettore del Seminario di Cristo Re, Padre Nicola Cortellino. Incontri di riflessione, confronto su tematiche vocazionali, riflessione sulla Parola di Dio, e campionati di calcio. Il tutto si è concluso con la S.Messa vissuta insieme alle famiglie dei ragazzi e con l'arrivederci al grande CAMPO SCUOLA VOCAZIONALE dal 2 all'8 Luglio 2018. Manda o Signore Apostoli Santi nella tua Chiesa