• 3 Passi in un unica opera: DONA - CONDIVIDI - MOLTIPLICA la carità! Cinque per mille 2021

    239643b5 0129 4fac 819b 557da62fe59bDa alcuni anni un forte sostegno alle molteplici opere di carità dell'Antoniano Cristo Re proviene dal 5x1000. Quest'anno 2021 anche tu puoi collaborare. NON COSTA NULLA! Donare il 5 x1000 significa infatti devolvere una parte delle proprie tassazioni verso scopi benefici come la mensa del povero che nel 2020 hanno distribuito più di 50.000 pranzi caldi, come le due case di accoglienza dell'Antoniano Cristo Re che hanno ospitato più di 6000 bisognosi senza fissa dimora, come l'ambulatorio medico, il progetto seminario e le missioni dell'Antoniano Cristo Re che ogni anno finanziano scuole, orfanotrofi ed ambulatori in Africa e Albania. COME DONARE il 5x1000? Semplice. Nella tua dichiarazione o nel Cud, inserisci il nostro codice 970 8863 0831 dell'Associazione di Solidarietà Rogazionisti Cristo Re Onlus e il gioco è fatto! Tu non puoi donare il 5x1000? E allora puoi aiutarci lo stesso: CONDIVIDI questo questa notizia sui tuoi gruppi di whatsapp e fai conoscere ai tuoi amici. In questo semplice modo, MOLTIPLICHERAI la carità! Non posso aggiungere altro: DONA - CONDIVIDI - MOLTIPLICA la carità! Dio ti benedica, padre Claudio Marino 

  • 5x1000 perchè? - "La puzza dei cartoni mi appartiene, ma anche io sono un uomo!" (testimonianza di Giacomo, un ospite delle nostre case di accoglienza)

    poveroPerchè donare il 5x1000 all'Antoniano Cristo Re? Perchè con questo semplice gesto puoi sostenere tante opere di carità dell'Antoniano: la mensa del povero, i dormitori, la casa famiglia. Ecco qui una testimonianza: Mi chiamo Giacomo e sono originario di Villa Grazia un piccolo paese in provincia di Palermo. Da alcuni mesi sono ospite delle case di accoglienza dell’Antoniano Cristo Re. Ero un direttore di poste italiane in una città della provincia di Palermo. Il fallimento della mia vita è iniziato con la separazione da mia moglie e i mei figli. Dopo aver scoperto di essere tradito da mia moglie, ho chiesto la separazione, ho lasciato il mio lavoro bruciando tutti i miei risparmi nel gioco e sono caduto nel tunnel dell’alcool. Dopo aver perso tutto, mi sono trovato solo, povero e abbandonato da tutti, anche dai miei stessi figli. Ho perso tutto, anche la mia dignità. Vivevo peggio degli animali. Ho vissuto per anni in mezzo ai cartoni di alcune stazioni della Sicilia, al freddo, al gelo e alla pioggia perché mi vergognavo di farmi vedere dagli altri fino a quando alcuni volontari mi hanno invitato, durante la pandemia, ad andare a chiedere ospitalità all’Antoniano Cristo Re. “Là troverai la tua famiglia” mi dissero. Sono giunto nella Casa di accoglienza dell’Antoniano e qui, accolto da fratello Antonino Drago, da padre Alessandro e i volontari ho iniziato prima di tutto “ad amarmi di più”. Avevo impresso sulla pelle la puzza dei cartoni, ma soprattutto le ferite del mio cuore, ma non volevo perdere “la dignità”. In alcuni momenti, ho pensato addirittura di farla finita, ma soprattutto l’affetto dei padri mi hanno aiutato a riscoprire la bellezza della mia vita. Qui all’antoniano, mi hanno offerto un posto letto, la possibilità del pranzo alla mensa e della cena. Durante la giornata faccio alcuni lavori che mi permettono di guadagnare qualcosa ma soprattutto di “vedere la vita con occhi diversi”. Nella mia stanza la sera condividiamo le nostre storie con i volontari e la cosa più bella è che abbiamo sempre qualcuno disposto ad ascoltarci. Lentamente sto rinascendo. Fratello Antonino e i padri ci ricordano sempre che quello che riceviamo e dono della Provvidenza e di tante persone buone di cuore che sostengono queste attività. Pertanto, anche se sono un peccatore e anche se non sono degno, vi assicuro nel mio piccolo che prego ogni sera Sant’Antonio che interceda per tutte le famiglie e le intenzioni dei nostri cari benefattori e soprattutto prego che non ci siano altre persone che soffrano come ho sofferto io. Giacomo D’A. (per donare il cinque per mille all'Antoniano Cristo Re basta aggiungere il codice 970 8863 0831 Passa Parola!)