Scapolare di Sant'Antonio

Per riceverlo Clicca qui

Scapolare della Madonna del Carmelo

scapolare Madonna Carmelo

Per riceverlo Clicca qui

Intezione di messa

Per lasciare un intenzione per la Messa che sarà celebrata domani 

clicca qui

Contattaci!

 Padri Rogazionisti

Viale Principe Umberto 89/93 - 98122 Messina

Telefono: 090 712117

Fax: 090 6781054

Whatsapp: 3290147146

E-mail: segreteria@cristore.it

Bomboniere Solidali

Nel giorno della tua festa scegli di fare un gesto d'amore per i piccoli ed i poveri, scegliendo le nostre bomboniere. Clicca per vedere il catalogo

B0

LA CARITÀ SOLIDARIETÀ RICHIEDE MOLTA CREATIVITÀ ED È MOLTO PIÙ IMPEGNATIVA DI UNA BENEFICENZA CHE PUÒ ESSERE OCCASIONALE. LA PRIMA COINVOLGE E CREA LEGAME, LA SECONDA SI ACCONTENTA DI GESTI.

52LA CARITÀ SOLIDARIETÀ RICHIEDE MOLTA CREATIVITÀ ED È MOLTO PIÙ IMPEGNATIVA DI UNA BENEFICENZA CHE PUÒ ESSERE OCCASIONALE. LA PRIMA COINVOLGE E CREA LEGAME, LA SECONDA SI ACCONTENTA DI GESTI.
I servizi caritativi resi dalle Congregazioni religiose, sia maschili che femminili, presentano un’immagine ricca di chiaroscuri, che documenta abbastanza chiaramente la difficoltà che essi incontrano a evolvere verso nuove forme di presenza nel socio-assistenziale.
La struttura delle opere da loro ereditate dai Fondatori e Fondatrici, si richiama ad una mentalità di beneficenza. Vige tutt’ora all’interno delle Congregazioni una cultura dell’obolo da sollecitare, da ottenere e da distribuire per soddisfare quelli che sono i bisogni primari degli assistiti: vitto, alloggio, istruzione, assistenza medica.
Esse rimangono spesso istituzioni che sollecitano beneficenza e amministrano beneficenza. È chiaro che non bisogna identificare e ridurre l’ambito della carità alle sole opere di assistenza o beneficenza che vengono portate avanti. Non si può esprimere un giudizio sulla carità e l’amore ai poveri guardando soltanto ai servizi che vengono offerti loro dalle istituzioni religiose. La carità non è una serie di cose da fare. La beneficenza, l’obolo, il benefattore servono a mantenere i servizi di carità, ma non si identificano con la carità.
Affermazioni veritiere che valgono per tutte le istituzioni, come per i Padri Rogazionisti.
Rimane vero che i Padri Rogazionisti per esempio con il passare degli anni hanno perso il contatto con il mondo delle povertà e della emarginazione; o il loro approccio e relazione con i poveri avviene tra una istituzione capace di provvedere ed elargire servizi e un gruppo di emarginati che si accontenta di ricevere.
Man mano che l’assistenza pubblica è venuta a coprire uffici per secoli affidati alla carità della Chiesa, i Padri Rogazionisti tra gli altri si sono trovati smarriti e inoccupati; proprio perché è venuta a mancare una pedagogia che ci abituasse al passaggio dall’assistenza-beneficenza cristiana alla solidarietà sociale e alla condivisione.
La carità solidarietà richiede molta creatività ed è molto più impegnativa di una beneficenza che può essere occasionale: la prima coinvolge e crea legame, la seconda si accontenta di gesti.

ADAMO CALO’. Conferenza ai giovani studenti. Roma 2003

Accendi un Cero a Sant'Antonio e Sant'Annibale

Per accendere un Cero

Clicca qui

Richiedi una Messa

Per richiedere una S. Messa

Clicca qui

La pagina Facebook