Scapolare di Sant'Antonio

Per riceverlo Clicca qui

Scapolare della Madonna del Carmelo

scapolare Madonna Carmelo

Per riceverlo Clicca qui

Intezione di messa

Per lasciare un intenzione per la Messa che sarà celebrata domani 

clicca qui

Contattaci!

 Padri Rogazionisti

Viale Principe Umberto 89/93 - 98122 Messina

Telefono: 090 712117

Fax: 090 6781054

Whatsapp: 3290147146

E-mail: segreteria@cristore.it

Bomboniere Solidali

Nel giorno della tua festa scegli di fare un gesto d'amore per i piccoli ed i poveri, scegliendo le nostre bomboniere. Clicca per vedere il catalogo

B0

Nessun servitore può servire due padroni - Commento alla liturgia della Parola di Domenica 22 Settembre

4bc280e4 c0e7 4bdc 8976 4321e4f09cae“Nessun servitore può servire due padroni…Non potete servire Dio e la ricchezza.”, il monito del Maestro, conclude una delle parabole più difficili da comprendere, quella dell’amministratore lodato dal padrone, “perché aveva agito con scaltrezza”, dopo essere stato licenziato per aver sperperato i suoi averi; Gesù non loda la disonestà, ma vuole aiutarci a comprendere che la scelta dell’amministratore, di farsi “amici con la ricchezza disonesta”, diventa “un gesto profetico, fa ciò che Dio fa verso ogni uomo: dona e perdona, rimette i nostri debiti…Lo fa per interesse, ma rovescia la direzione del denaro, che non…genera più esclusione ma amicizia e comunione.” (E. Ronchi) Il brano di questa XXV domenica, omette la reazione dei farisei che “si beffavano di lui”, perché “a causa della loro cupidigia…non potevano accoglierne l’insegnamento e finivano per disprezzarlo.” (E. Bianchi) La ricchezza non è un male in sé, ma “come l'acqua salata: più se ne beve, più cresce la sete” (Arthur Schopenhauer), può farci perdere la fede, perché “è tanto il potere del denaro, che ti fa deviare dalla fede...la indebolisce e tu la perdi!" (Papa Francesco) Facciamo nostro il grido di Amos: “Ascoltate questo, voi che calpestate il povero…E il sabato, perché si possa smerciare il frumento…”, denunciando chi si è impadronito del “Giorno del Signore”, per arricchirsi, affinché “il nostro cuore sia assolutamente vuoto di ciò che non è Dio e Dio lo occupi assolutamente da solo.” (Beato Charles de Foucald) Il Signore, “unico mediatore tra Dio e gli uomini”, presente nella Parola e nel Pane di Vita eterna, apra i nostri cuori, perché impariamo ad elevare al Padre “preghiere e ringraziamenti per tutti gli uomini…e per tutti quelli che stanno al potere… cosa bella e gradita al cospetto di Dio…il quale vuole che tutti gli uomini siano salvati” (San Paolo) e ci salvi dalla cupidigia delle ricchezze, per “condividerli con i poveri procurandoci così la loro amicizia, in vista del Regno dei cieli.” (Benedetto XVI) La Vergine Santissima, ci aiuti ad usare i beni con saggezza evangelica, perché ognuno, prima di presentarsi davanti al trono di Dio possa affermare: “Se cerco tra i miei ricordi quelli che mi hanno lasciato un gusto durevole…ritrovo quelli che nessuna ricchezza mi avrebbe procurato.” (Antoine de Saint-Exupèry) Amen. Santa domenica, Dio ci benedica.

Accendi un Cero a Sant'Antonio e Sant'Annibale

Per accendere un Cero

Clicca qui

Richiedi una Messa

Per richiedere una S. Messa

Clicca qui

La pagina Facebook