Scapolare di Sant'Antonio

Per riceverlo Clicca qui

Scapolare della Madonna del Carmelo

scapolare Madonna Carmelo

Per riceverlo Clicca qui

Intezione di messa

Per lasciare un intenzione per la Messa che sarà celebrata domani 

clicca qui

Contattaci!

 Padri Rogazionisti

Viale Principe Umberto 89/93 - 98122 Messina

Telefono: 090 712117

Fax: 090 6781054

Whatsapp: 3397645991

E-mail: segreteria@cristore.it

Bomboniere Solidali

Nel giorno della tua festa scegli di fare un gesto d'amore per i piccoli ed i poveri, scegliendo le nostre bomboniere. Clicca per vedere il catalogo

B0

11 Novembre - Commento al Vangelo

vedova"In verità io vi dico: questa vedova, così povera, ha gettato nel tesoro più di tutti gli altri.", l'elogio del Maestro alla vedova che mette "nel tesoro del tempio due spiccioli e superò i doni di tutti i ricchi...perché nessun gesto di bontà è privo di senso davanti a Dio" (San Leone Magno), conclude il Vangelo di questa XXXII domenica; brano che possiamo dividere in due parti: quella iniziale, con il monito del Signore verso quegli scribi "che amano passeggiare in lunghe vesti...avere i primi posti nei banchetti", descrizione di "come non devono essere i seguaci di Cristo; l'altra in cui viene proposto un ideale esemplare di cristiano" (Papa Francesco), con l'umiltà di una vedova, che ricorda quella di Sarepta, che nonostante la drammatica situazione in cui viveva, si fida della parola di Elia e usa quel "pugno di farina nella giara e un po' d'olio nell'orcio”, per preparare la focaccia al profeta, "gesto di amore e di carità sincera nei confronti dell'uomo di Dio che...assicura a quella casa il cibo non solo per pochi giorni, ma per sempre." (P. A. Rungi) Queste due vedove sono l'esempio di come si vive la fede, "atteggiamento interiore di chi fonda la propria vita su Dio, sulla sua Parola, e confida totalmente in Lui" (Benedetto XVI), e di come sia importante donare con gioia, vivendo "l'amore che sa rinunciare anche a ciò che è necessario" (E. Bianchi), come ha fatto Cristo che "dopo essersi offerto una sola volta per togliere il peccato di molti, apparirà una seconda volta...a coloro che l'aspettano per la loro salvezza." (Ebrei). Troviamo anche nei santi: la vita di Sant'Annibale è piena di episodi in cui l'uomo si fida di Dio  e della sua Provvidenza e viene ricompensato col centuplo. Chiediamo al Signore, come dono dell'Eucaristia, il cuore di queste vedove per vincere la bramosia dei "primi posti, prestigio e fama, con la generosità senza misura e senza calcolo, dalla audacia nel dare...perché il Vangelo torni a trasmettere il suo senso di gioia e il suo respiro di liberazione." (E. Ronchi) La Vergine Santissima apra il nostro cuore ai poveri, "i punti di entrata attraverso i quali lo Spirito di Dio, irrompe in tutte le realtà umane e le ricrea" (Don Tonino Bello), come veri discepoli del Figlio e testimoniare ai fratelli che "Dio non ha bisogno di quello che abbiamo, ma di quello che siamo nella nostra realtà e sincerità." (S. Cipriani) Amen. Santa domenica, Dio ci benedica.

Accendi un Cero a Sant'Antonio e Sant'Annibale

Per accendere un Cero

Clicca qui

Richiedi una Messa

Per richiedere una S. Messa

Clicca qui

La pagina Facebook